Lontani ma vicini, la Fondazione Golgi Cenci a supporto dei partecipanti al progetto Frailbiotrack

Durante i mesi di marzo-aprile 2020, a causa dello scoppio dell’epidemia di SARS-COV2, l’intero Paese è stato posto in lockdown a titolo cautelativo, con grandi difficoltà nella gestione delle necessità quotidiane.

La popolazione anziana è stata una delle fasce maggiormente colpite dal virus e dalle sue conseguenze: gli anziani spesso vivono soli, in fragilità, a volte con multipatologie e difficoltà motorie. La gestione quindi di questo periodo “di paralisi dei servizi” è stata senza dubbio estremamente complicata.

La Fondazione Golgi Cenci, ha quindi pensato di creare un’intervista strutturata mirata ad indagare lo stato psico-fisico dei partecipanti al progetto FrailBiotrack, non solo con lo scopo di raccogliere dati utili per capire l’effetto del COVID-19 e della pandemia sull’invecchiamento (Intervista Telefonica Abbiategrasso 2020, “ITA2020”) ma anche per garantire un supporto da remoto gratuito di carattere psicologico e/o medico a chi ne avesse avuto necessità.

Lo studio è stato approvato dal Comitato Etico di Niguarda, Milano, Area 3 e i dati sono in elaborazione.